Non soffochiamo … la voce del mare!

L’artista Jason de Caires Taylor, di padre inglese e madre guyanese, appassionato di diving fin dalla tenera età, crea dei complessi di sculture davvero unici: sono infatti pensati per diventare installazioni permanenti in determinati punti del fondale oceanico.

Jason tra le sue "creature" ... sulla terraferma.

Jason tra le sue “creature” … sulla terraferma.

Il mondo sommerso di Taylor, abitato da centinaia di figure umane immobili, è capace di essere in un primo momento vagamente inquietante, per poi svelarci tutta la serenità e la poesia di un universo senza tempo, ed arrivare al sublime” senza bisogno di parole.

L’esplorazione di questi “parchi di sculture” sotto il mare è senza dubbio un’esperienza emozionante e toccante.
Immergiamoci allora tra le 400 sculture permanenti del National Marine Park di Cancùn, nell’isola di Mujeres e Punta Nizuc, in quella immensa grande opera d’arte chiamata “La silenziosa evoluzione“.

Cartina della localizzazione del Museo subacqueo

Cartina della localizzazione del Museo subacqueo

L’installazione è il primo “prodotto” partorito da un nuovo Museo Subacqueo chiamato MUSA – Museo Subacuático de Arte.

Oltre ad essere arte, è considerato prima di tutto un “reef artificiale”, poiché le sculture sono realizzate con materiali speciali (cemento, sabbia, silice, micro- fibra di vetro, corallo) allo scopo di “promuovere” la vita marina.

Le sculture cambiano straordinariamente aspetto a causa delle correnti oceaniche che erodono continuamente i dettagli; si prevede inoltre che i coralli, le spugne e le alghe prosperino e attraggano altre creature marine nella creazione di un nuovo ecosistema.

L’installazione ricopre più di 420 metri quadrati di fondale e la rendono “una delle più grandi attrazioni subacquee al mondo”.

L’intenzione di Taylor è quella di “alleggerire” dalla grande massa di turisti (circa 750,000 ogni anno) le barriere coralline prossime alla costa, già messe a dura prova da inquinamento marino, riscaldamento delle acque e pesca selvaggia, guidando i subacquei “della domenica” verso un’area caratterizzata da barriere coralline artificiali, cercando così di preservare quel bene naturale insostituibile che ci dimentichiamo sempre più spesso di conservare e rispettare!

Clicca qui per il filmato in cui Jason Taylor illustra il procedimento per realizzare ed installare le sue statue sui fondali della Baia di Cancun

Clicca qui e guarda il filmato

Clicca qui e guarda ancora …

… e ancora un filmato incredibile!

Questa voce è stata pubblicata in Artisti di ... oggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento